Emotion Recognition: un’invenzione non etica? - BlueTensor